Unione dei Comuni
Argenta | Ostellato | Portomaggiore
Condividi questa pagina:
Home page | L'Unione e Uffici | Uffici dell'Unione | Servizio Tributi | Pagina corrente: Portomaggiore - IUC -...

L'Unione e Uffici: Uffici dell'Unione
Servizio Tributi
Portomaggiore - IUC - IMU (Imposta municipale propria)

Scheda informativa

Dal 2014 è' istituita l'imposta unica comunale (IUC). Essa si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore, e l'altro collegato all'erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

A chi rivolgersi

Amministrativo Renza Frighi

Nome: Renza Frighi
Telefono: 0532.323.324
Cellulare:
Fax:
Profilo: ISTRUTTORE AMM.VO CONTABILE

Funzioni:
Amministrativo Daniele Pampolini

Nome: Daniele Pampolini
Telefono: 0532.323.323
Cellulare:
Fax:
Profilo: ISTRUTTORE AMM.VO CONTABILE

Funzioni:

Calcolo IMU ON-LINE

Calcolo TASI/IMU on-line

Tipologie di immobili

Per l'anno 2018, non è dovuta l'imposta municipale propria per le seguenti tipologie di immobili:

1) Abitazione principale e relative pertinenze, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

2) Fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'articolo 13, comma 8, del decreto legge n. 201 del 2011 (accatastati nella categoria D10 ovvero in altra categoria con annotazione di ruralità nel certificato catastale).

L'IMU non si applica (in quanto equiparate per legge all'abitazione principale):

- alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;

- ai fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del decreto del presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616;

- alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;

- a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unita' immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonche' dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia (la disposizione di tale punto si applica a decorrere dal 1° luglio 2013).

Sono esenti dall'imposta municipale propria i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati.

Ai sensi del vigente regolamento avente per oggetto “REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina dell'Imposta Municipale Propria (IMU)” l'Amministrazione Comunale ha assimilato alla abitazione principale, quindi esentato dalla applicazione dell'IMU: l'unità immobiliare posseduta, a titolo di proprietà o di usufrutto, da anziani o disabili che spostano la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che l'abitazione non risulti locata o concessa in comodato.

Si ricorda infine che sono esenti dall'Imposta Municipale propria le fattispecie di cui all'art. 9 comma 8 del D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23

Base imponibile

La base imponibile dei fabbricati si ottiene rivalutando la rendita catastale del 5 % e applicando i seguenti moltiplicatori:

- 160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A, con esclusione della categoria catastale A/10, e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7;

- 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;

- 80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10 e D/5;

- 65 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D ;

- 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1.

La base imponibile dei terreni agricoli si ottiene rivalutando il reddito dominicale risultante in catasto, al 1° gennaio dell'anno di imposizione del 25% e applicando il moltiplicatore 135.
Per i terreni agricoli, nonché per quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola il moltiplicatore, dal 01/01/2014 è pari a 75 e l'imposta si applica limitatamente alla parte di valore eccedente euro 6.000 e con le seguenti riduzioni:
a) del 70 per cento dell'imposta gravante sulla parte di valore eccedente i predetti euro 6.000 e fino a euro 15.500;
b) del 50 per cento dell'imposta gravante sulla parte di valore eccedente euro 15.500 e fino a euro 25.500;
c) del 50 per cento dell'imposta gravante sulla parte di valore eccedente euro 25.500 e fino a euro 32.000

Novità dal 2016

In applicazione della legge di stabilità per l'anno 2016 n°208/2015, in materia di Imu sono state introdotte le seguenti novità:
1. esenzione IMU per i terreni agricoli posseduti e condotti direttamente dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione;
2. riduzione della base imponibile del 50 % per gli immobili ad uso abitativo dati in comodato a genitori/figli, alle seguenti condizioni:
- l'abitazione non deve essere di lusso (categorie A/1- A/8- A/9)
- il contratto deve essere registrato
- il comodante deve risiedere nello stesso Comune del comodatario e deve possedere un solo immobile ad uso abitativo in Italia, non di lusso, oltre all'abitazione data in comodato.

I requisiti devono dichiararsi nel modello ministeriale -dichiarazione IMU- entro il 30 giugno 2019 per l'anno 2018

Versamento dell'IMU per l'anno 2018

Il versamento dell'acconto IMU da effettuarsi entro il 18/06/2018 e del saldo da effettuarsi entro il 17/12/2018, è eseguito sulla base delle aliquote e detrazioni di cui alla delibera C.C. n. 3 del 21/03/2017, confermata con delibera C.C. n.7 del 27/02/2018.

I codici tributo da utilizzare per il versamento sono i seguenti:

TABELLA CODICI TRIBUTO PER F24TIPOLOGIA IMMOBILEBENEFICIARIO
3912 IMU -Abitaz. principale e pertinenze (solo A/1 – A/8 – A/9) Comune
3914 IMU - Terreni Comune
3916 IMU – Aree edificabili Comune
3918 IMU – Altri fabbricati Comune
3923 IMU – Interessi da accertamento Comune
3924 IMU – Sanzioni da accertamento Comune
3925 IMU – Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D Stato
3930 IMU - Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo D Incremento Comune

CODICE CATASTALE COMUNE DI PORTOMAGGIORE G916

Fabbricati di categoria D

E' riservato allo Stato esclusivamente il gettito dell'IMU, calcolato ad aliquota 7,6 per mille, degli immobili a uso produttivo, classificati nel gruppo catastale D.

- Accedi al servizio on-line per effettuare il CALCOLO IMU - Calcolo TASI/IMU on-line

- Per aliquote IMU 2018 - scarica pdf

- Per Regolamento IUC - IMU - scarica pdf

- Per visualizzare le rendite catastali è possibile accedere al sito internet dell'Agenzia Del Territorio - vai al sito Agenzia Entrate

- Per effettuare il versamento è necessario utilizzare l'apposito mod. F24 - scarica pdf

- Per istruzioni compilazioni F24 - scarica pdf

- Per visualizzare i valori delle aree edificabili ai fini IMU - scarica pdf

- Per dichiarazione IMU - scarica pdf

- Per istruzioni dichiarazioni IMU - scarica pdf

Argenta
Ostellato
Portomaggiore
stemma-argenta
stemma-ostellato
stemma-portomaggiore
[Provincia di Ferrara]
ANAGRAFICA ENTE

Unione dei Comuni Valli e Delizie
Piazza Umberto I, n. 5 - 44015 Portomaggiore
Provincia Ferrara - Regione Emilia Romagna - Italy
C.F.: 93084390389 - P.IVA: 02015460385
P.E.C.: protocollo@pec.unionevalliedelizie.fe.it
Si autorizza l'uso di parte del contenuto di questo sito, previa richiesta di autorizzazione, specificandone l'utilizzo.
ACCESSIBILITÀ

Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti indipendentemente dalla piattaforma (smarthphone e tablet compresi) o dal browser usato perché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del consorzio internazionale W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0.
Sito realizzato da Punto Triplo Srl.
Area riservata